Norme di contrasto per la dipendenza dal gioco d’azzardo patologico

Contrasto alla dipendenza dal gioco d’azzardo patologico

Gruppo Consigliare
Lega Salvini Premier Valsamoggia

GRUPPO MISTO Valsamoggia

Al Signor Presidente di Consiglio
Luca Grasselli

Al Signor Sindaco
Daniele Ruscigno

Assessori competenti

e p.c. al Signor Segretario comunale
Maria Consiglia Maglione

Data: 12/10/2021

 

INTERPELLANZA IN MERITO A
Norme di contrasto per la dipendenza dal gioco d’azzardo patologico

Premessa:

La Regione Emilia Romagna con la legge n. 4 del 2013 ha introdotto “Norme per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate”, modificata con la legge n. 8 del 2018.

Con Delibera di Giunta n. 831/2017 sono state indicate le “Modalità applicative del divieto alle sale gioco e alle sale scommesse e alla nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito”.

La Giunta regionale ha successivamente approvato la Delibera n.68 del 21/01/2019 avente come oggetto le “Modalità applicative del divieto di esercizio dei punti di raccolta delle scommesse (cd. corner) e ulteriori integrazioni alla delibera di giunta regionale n. 831 del 2017”

Considerato che:

La legge regionale (art. 6) prevede che la distanza minima di 500 metri dai luoghi sensibili sia calcolata secondo il percorso pedonale più breve.

Vengono definiti luoghi sensibili gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, i luoghi di culto, gli impianti sportivi, le strutture residenziali o semi-residenziali in ambito sanitario o sociosanitario, le strutture ricettive per categorie protette, i luoghi di aggregazione giovanile e gli oratori.

Dalla fotografia allegata, prendendo come esempio la municipalità di Crespellano, è fuori discussione che il centro scommesse sito in Piazza della Pace è in una condizione di particolare criticità essendo circondato da edifici sensibili come la chiesa, oratorio, un centro medico, un centro scolastico.

Per quanto, il comune era tenuto a fare una mappatura dei punti sensibili, che le limitazioni o anche le proroghe sarebbero potute essere concesse entro un massimo di 6 mesi, non comprendiamo come mai, nell’ambito delle nostre municipalità, c’è chi lavora ancora regolarmente mentre altri, con avviso specifico fatto dal nostro comune, hanno terminato la loro attività di ricevitoria, corner per il gioco d’azzardo.

Si interpella il Sindaco del Comunale di Valsamoggia:

  • Chi deve controllare che tutti i negozi di scommesse, i corner e tutti i punti di scommessa, come dettato nella legge regionale, abbiano realmente cessato la loro attività.
  • Come è possibile che tra le varie municipalità dello stesso comune, Valsamoggia, alla data della presente, accettano scommesse.
  • Chiediamo la pubblicazione nei canali della PA, la mappatura dei luoghi sensibili come previsto dalla legge e adottare i provvedimenti conseguenti.

 

Si prega di fornire risposta in forma scritta. Grazie.

Il Capogruppo
Lega Salvini Premier Valsamoggia
Emanuela Graziano

Il Capogruppo
GRUPPO MISTO
Giuseppe Falco

Allegato Fotografico

Valsamoggia – Località CRESPELLANO

Valsamoggia – Località CRESPELLANO

  • Sala scommesse
  • Chiesa
  • Oratorio
  • Casa della salute
  • Scuole
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.